COMPLEANNO A MARRAKECH IN UN RESORT DA MILLE E UNA NOTTE


Ciao a tutti,
oggi voglio parlarvi del nostro ultimo viaggio: Marrakech

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Alessia Siena

1° giorno:

Siamo partiti da Milano Malpensa la mattina molto presto (alle 6.00) con arrivo a Marrakech alle 8.30 (considerate che c’è un’ora di fuso, il volo dura 3 ore e mezza) ed è comodissimo per poter godere appieno di tutta la giornata. Abbiamo volato con Easyjet e prenotando i voli con largo anticipo si possono trovare ottime offerte.


Per questo viaggio abbiamo deciso di alloggiare al FAIRMONT ROYAL PALM RESORT, volevamo un luogo un po’ distante dalla Medina per poterci rilassare e non essere sempre invasi dalla confusione. All’interno del resort ci sono bellissime piscine, ristoranti, una Spa, la palestra, un campo da Golf e l’abbiamo quindi trovato il luogo ideale. Siamo già stati a Marrakech in passato alloggiando in un hotel direttamente nella Medina e questa volta volevamo provare un tipo di viaggio diverso.
Atterrati all’aeroporto c’è un’auto ad attenderci per portarci al resort. Quello che mi sento di consigliarvi, vista la nostra passata esperienza, è di contattare il vostro hotel una volta effettuata la prenotazione e di accordarvi con loro affinché venga a prendervi un’auto perché, almeno per Marrakech, prendere un taxi in aeroporto è assolutamente antieconomico; arrivano a farvelo pagare anche il doppio rispetto a prenotarlo prima. 

Arrivati all’ingresso del resort lo spettacolo è indescrivibile: un lunghissimo viale accerchiato da palme che ti fanno sentire come in un’oasi di pace. Ci offrono un drink di benvenuto, che in questo caso consiste in succo d’arancia e croissant essendo mattina presto e successivamente ci dirigiamo nella nostra suite. All’interno del resort ci si può spostare con i caddy, in quanto è abbastanza grande, ma a noi piaceva anche fare una bella passeggiata tra le palme. 
La suite è assolutamente strepitosa, con un enorme letto, un divano dove potersi rilassare, un enorme bagno con doccia, vasca e doppio lavabo, una cabina armadio e un’enorme terrazza con vista sul campo da Golf.

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. La suite
Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Il bagno


Doccia, costume e via verso la piscina all’aperto del resort (una delle tante) dove scattiamo un po’ di foto, prendiamo un po’ di sole e pranziamo con un’ottima insalata di feta, cetriolo e anguria. 

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Pranzo leggero
Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Relax in piscina. Alessia Siena

Una cosa che tengo a precisarvi del Fairmont Resort è la comodità dello Shuttle Bus che vi può portare ogni giorno nelle due zone principali di Marrakech, la Medina e Gueliz. Chiedete gli orari appena arrivate al resort così da potervi organizzare e prenotare il vostro posto per l’orario che più desiderate. Noi infatti prendiamo lo shuttle bus delle 19.00 per passare la serata nei Souk e cenare nella Medina. 

Marrakech. Alessia Siena nella Medina


Qui voglio fare una precisazione sui Souk di Marrakech. Se c’è una cosa che penso sia meravigliosa dei viaggi è proprio perdersi nelle culture diverse dalla propria, provare qualcosa di nuovo, assaggiare qualcosa di nuovo ed è esattamente quello che abbiamo fatto noi li. Abbiamo iniziato a girovagare nelle viette (ce ne sono tantissime!) e in pochissimo tempo eravamo subito ambientati, il che ci ha permesso di fare bellissime esperienze. Dopo aver bevuto una delle loro ottime spremute d’arancia e fatto una foto con i ragazzi, abbiamo assaggiato i loro datteri (dovete assolutamente provarli, quelli che ho sempre mangiato a Milano a questo punto non si possono neanche definire datteri), abbiamo assaggiato le loro straordinarie olive, sono strepitose e in tantissimi gusti diversi, un vero paradiso. Abbiamo anche conosciuto Aziz, un uomo super simpatico con un’enorme cultura in fatto di medicina alternativa naturale, di spezie, di profumi e molto altro. Dovete andare assolutamente a trovarlo, vi farà scoprire un nuovo mondo da cui rimarrete senza dubbio affascinati. Il suo negozio si chiama Herboriste Murràkus 7 ed entrando dalla piazza Jamaàa Fna nel Souk Semmarine lo trovate sempre dritto sulla vostra destra, nel Souk Nejjarine.
Continuiamo il nostro giro, conosciamo un altro simpaticissimo venditore, questa volta di piatti, tazze e molto altro (che io adoro) e ci fermiamo anche a vedere un artigiano che intaglia il cedro: meraviglioso.

Marrakech, Medina. Alessia Siena nel negozio di terracotte

Terminate le nostre esperienze decidiamo di mangiare in uno dei ristoranti della piazza e ceniamo con un’ottima quinoa di verdure (vi ricordo che all’interno della Medina la maggior parte dei ristoranti non serve alcolici di nessun tipo).
Torniamo quindi al resort e terminiamo la serata con una bella passeggiata.

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Ingresso alla Spa

2° giorno:

La mattina seguente facciamo una meravigliosa colazione in hotel. La colazione è ricchissima di ogni tipo ci cibo, variegata, tutti i prodotti sono eccelsi ed è un sogno ad occhi aperti. Vi consiglio anche di provare il loro tè alla menta, davvero strepitoso.
Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Alessia Siena a colazione


Terminata la colazione ci dirigiamo nella zona che forse amo di più di Marrakech, la Ville Nouvelle (Gueliz), dove si trova uno dei parchi per me più belli in assoluto, Le Jardin Majorelle. Anche in questo caso per arrivarci lo shuttle bus è comodissimo. Già la prima volta che lo visitai per me fu la realizzazione di un sogno, l’ho sempre immaginato come un luogo magico e in effetti lo è. Prendetevi qualche ora per girarlo in ogni angolo e assaporate il momento, cercate di rilassarvi e di godervi la pace che si respira. 

Marrakech, Jardin Majorelle. Alessia Siena su sfondo blu

A Ville Nouvelle ci sono moltissimi ristoranti dove poter pranzare e negozi per lo shopping ma noi, avendola già visitata, decidiamo di tornare al resort perché questa volta ad attenderci c’è la meravigliosa piscina della Spa: un luogo così magico da sembrare di essere in un sogno. 

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Alessia Siena nella Spa
Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Alessia Siena al country club
Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Alessia Siena al sole

Passiamo il pomeriggio in totale relax tra lettura, nuoto e anche un po’ di lavoro prima di prepararci per la serata che ci attende: una cena in un tipico e bellissimo ristorante marocchino, LE SALAMA.
Avevamo la cena prenotata per le 20.00 e iniziamo con un antipasto tipico marocchino, un mix di verdure varie cucinate in più di 15 modi diversi e con un ottimo vino rosè, anch'esso marocchino. Dovete assolutamente provare la cucina marocchina, io la adoro. Continuiamo poi con un cous cous di verdure per me e pollo per Andrea, entrambi cucinati nel Tajin, la tipica pentola marocchina che esalta al massimo il sapore dei cibi con una cottura molto lenta. Terminiamo infine la cena con un dolce tipico, una cialda al miele con yogurt e frutta secca, una libidine per il palato. Oltre al cibo però quello che rende unico questo ristorante è lo spettacolo delle danzatrici del ventre. E' stato bellissimo e io, ovviamente, non ho perso l’occasione per fare un ballo con loro. 
E’ stata davvero una serata esilarante.

Marrakech, Medina. Antipasto al ristorante Le Salama

Marrakech, Medina. Alessia Siena da Le Salama

Marrakech, Medina. Le Salama al tramonto con Alessia Siena

3° giorno:

Ed ecco che finalmente arriva il giorno del mio compleanno. Suonano alla porta della camera e ad attendermi c’è la “Royal Breakfast” del resort, seguita da una torta di buon compleanno con le candeline. Mi sono davvero emozionata per questa bellissima sorpresa. Ci preparano la colazione in terrazza e ci godiamo questo magnifico risveglio in totale pace con la vista del campo da Golf.

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Colazione in camera


L’inizio della giornata è stato assolutamente perfetto, non avrei potuto desiderare di meglio, ma c’erano altre esperienze meravigliose ad attendermi quel giorno. Ci dirigiamo infatti al ES SAADI RESORT, dove abbiamo una giornata nella loro incredibile Spa. Anche qui, se andate a Marrakech, ritagliatevi almeno mezza giornata per andarci, è il luogo ideale dove ritrovare la pace e la serenità.

Marrakech, Es Saadi resort. Alessia Siena nella Spa

Se nel giorno del proprio compleanno la parola d’ordine dev’essere relax, io credo di averla presa alla lettera ed ecco che, tornati in hotel, mi concedo anche un bagno rilassante nella vasca della suite.

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Alessia Siena


Concludiamo questa bellissima giornata con una cena di sushi vista piscina. Per questa serata abbiamo deciso di non uscire dal resort e godercelo appieno.

Marrakech, resort Fairmont Royal Palm. Cena al tramonto


4° giorno:

La mattina dopo sveglia prestissimo e via in direzione aeroporto per prendere il volo verso Milano. Anche questa volta abbiamo prenotato il taxi direttamente dall’hotel.
Ultima precisazione: anche se avete già fatto il check in on-line, non andate in aeroporto di Marrakech all’ultimo minuto perché ci sono molti controlli da fare e dovete farvi mettere un timbro sulla carta d’imbarco anche per il solo bagaglio a mano. Essere lì 2 ore prima è proprio il minimo di tempo che vi consiglio.

Spero che questo articolo possa esservi utile per il vostro viaggio a Marrakech.

Come sempre, io ho portato con me la mia LONELY PLANET MARRAKECH

Aiutatemi a far crescere il blog e condividete l'articolo se vi è piaciuto! Ve ne sono grata.

PS: se vi piacciono i miei outfit potete trovare i link diretti per acquistarli sul mio profilo 21Buttons (se non avete l'app potete scaricarla, è gratuita).

Un abbraccio

Alessia 

Commenti

I più letti